Handresearch.com presents.: the largest Global Network of Palm Readers

& Hand Analysts + the latest Global News about Hands.

Mondo Gayo PDF Stampa E-mail
Scritto da Valerija Brkljac   
Sabato 17 Aprile 2010 18:49

Baguette magiqueEcco a voi cari amici la nuova Zampa, il sito rinnovato, aggiornato, con molte nuove funzionalità e nuovi contenuti. Potete finalmente lasciare i vostri commenti, partecipare alla mia ricerca, condividere con me gli interessi e lo spazio comune. Ho scelto di partire con il mondo gay perché ritengo sia importante per tutti parlarne. Viviamo in un mondo dove la storia è stata scritta troppo spesso con violenza, dove l'ego e il dio denaro hanno fatto molti danni, dove l'evoluzione dell'uomo sembra arrenatasi nel dogma, dove la morale risulta ridotta al comportamento e all'efficenza sociale. Questo ha causato il pregiudizio che l'uomo fosse per natura agressivo. Come a me i pregiudizi non piaciono, ho scelto come i miei temi principali non solo la chirologia e l'astrologia, ma anche il mondo gay, chiamato di recente in causa dalla chiesa. Guarda caso, tutti e tre fanno parte del cosidetto mondo "alternativo", da sempre rifiutato e “bersagliato” dalla chiesa. Com'è effetivamente questo mondo? Parliamone.

La chirologia e l'astrologia

La chirologia, l'analisi dei palmi e l'astrologia, che analizza il movimento dei pianeti, sono due discipline non scientifiche, che accompagnano l'uomo sin dai tempi remoti e hanno una storia davvero curiosa. Entrambe sono i sistemi di conoscenza di se e del mondo che ci circonda. Nonostante la loro fosse una storia di tutto rispetto, i tempi moderni le hanno bandite dalla “tavola” degli scienziati, senza che esse si sono “offese” più di tanto. Qualche buon motivo c'era per non offendersi.  Aristotele mise la chirologia nella filosofia. Mentre l'astrologia aiutò a regnare innumerevoli potenti della terra.

giove1Grazie al Percy Seymour, dottore di astrofisica, di recente ebbe inizio un interessante dibattito riguardo l'affidabilità dell'astrologia. Astrologia è stata attaccata come una pseudo-scienza da parte della Royal Astronomical Society. Ma proprio un membro di  questa società, il dottor Percy Seymour, con il suo libro provocatorio “La prova scientifica di Astrologia”, confermò che lo sviluppo del cervello umano può essere influenzato dal campo magnetico terrestre, specialmente in periodo di crescita nel grembo materno. Nel libro lui suggerisce che il campo magnetico terrestre è influenzato da interazioni con quelli del Sole e della Luna. Altri pianeti come Giove, Marte e Venere giocano anch'essi un ruolo. Essere chiamate “pseudo-scienze”, l'astrologia e la chirologia, non perdono il loro fascino nella modernità, anzi.
Il fatto è che la chirologia e l'astrologia non cercano neanche di entrare nelle “grazie” degli scienziati. Perché se noi usiamo 5-6% del nostro cervello, delle nostre potenzialità mentali, il resto è fuori dalla coscienza. Questo significa che non c'è bisogno di correre per l'approvazione dei 5-6% se si trova già sul campo che la chirologia e l'astrologia occupano da sempre! Casomai, può solo essere il contrario. Ecco perché gli attacchi da parte degli scienziati e della chiesa. La domanda che ora ci poniamo è se l'uomo può influenzare gli avvenimenti della vita con la propria libera volontà. Vediamo in continuazione le guerre o l'uso della violenza nell'esercitare il proprio potere su chi è più debole. Se noi usiamo 5-6% del nostro cervello, allora questo rappresenta il 100% delle nostre capacità mentali. Si direbbe un po' poco per un uomo sotto le stelle a governare l'Universo. Supponiamo che per questo motivo è neccessario “l'aiuto di dio”, come diceva mia nonna. E in sua rappresentanza si è posta la chiesa, che si è prefissata di farci da guida e da esempio.

La chiesa

stregalarogo1La chiesa. Che esempio ci sta dando ultimamente? Guardando in questa luce gli ultimi tristi eventi di pedofilia nella chiesa cattolica, mi sembra strano vederla “difesa” con le scusanti del tipo “la percentuale dei preti pedofili è piccola in confronto con il numero dei preti in generale" e “pedofilia uguale omosessualità”. Le scusanti non possono esistere per la pedofilia. A maggior ragione essa non dovrebbe esistere nella chiesa, l'istituzione che per eccellenza dovrebbe educare e portare verso Cristo. Questo suo compito fa sì che un solo caso è uguale al 100% dei casi per quanto fosse grave. Perché? Perché pedofilia non è uguale all'omosessualità. Pedofilia è l'abuso di potere, l'uso della violenza subdola e spropositata nei confronti dei bambini, in questo caso affidati ai sacerdoti per farli crescere spiritualmente, e non per fare loro del male.

Invece, l'omosessualità è la gioia di condividere l'amore con l'altro essere dello stesso sesso, però, adulto e consenziente. Certo, è dificile che una istituzione, che ha il criterio del sesso alla base, amettendo nelle proprie file solo i maschi, arrivi a capire in fretta che rimanere in quell'ambito ancora oggi significa tentare di correre verso dio con una gamba sola. Perché solo superando i limiti del sesso si può arrivare alla spiritualità. Unendo l'essenza dei due lati dell'universo, maschile e femminile, che si compone l'opera di Dio. I tempi sono cambiati, anche per le istituzioni come la chiesa. Perché sono cambiati gli esseri umani, sempre più evoluti e in cerca delle istituzioni più adeguate alla natura umana, per accompagnare loro spiritualmente.

Le donne, alle quali Dio ha dato un irrevocabile compito e grazia di dare la vita, e che lo hanno fatto da sempre, anche nelle condizioni peggiori di quelle di oggi, continuano nel proprio cammino troppo sole ormai. Il maschio, stenta di liberarsi dalle proprie catene evolutive. In adorazione di se stesso, come unica immagine di dio, continua a girare intono al proprio "pacco". La strada per uscire dal ruolo del maschio "attivo", forte e potente, è lunga e faticosa. Imboscata dietro i libri sacri, la chiesa ha dato il suo contributo alla sottomissione della donna. E come doveva succedere, prima o poi, i tempi dei roghi sonno finiti, come anche i tempi delle denigrazioni e dei pregiudizi. Il mondo "CONTRO" è finito, unico rimasto è quello "PER". Bisogna fare pace tra maschio e femmina, e anche in fretta. Per farlo, conviene capire che nelle condizioni come sono oggi, dei matrimoni avranno bisogno solo le chiese e non le donne, perché private di ogni garanzia umana che la prole avrà le condizioni necessarie per superare l'ostacolo chiamato "la civiltà del pacco". Perché essa non contempla l'empatia, ma la forza. Signori, Freud è morto! Dobbiamo ripensare radicalmente i nostri modelli sociali, economici e filosofici.

I roghi, i forni crematori e l'amore per il prossimo

Guardando la televisione mi viene da pensare che viviamo nei tempi dove regna sovrana la confusione. Credo solo che nessuno dovrebbe fommentarla. Ciò che è oggi l'astronomia, lo deve ringraziare all'astrologia. Però, vi ricordate Giordano Bruno? La chiomanzia ed altre discipline tipicamente femminili, basate sulle capacità che le donne possiedono per natura, hanno tracciato la strada a molte altre discipline che oggi vantano il riconoscimento come scienze. La medicina per prima. Però, vi ricordate i roghi di innumerevoli donne, accusate per stregoneria, alle quali la chiesa per secoli ha cercato di amputare o sradicare l'essenza?

La chiesa ha messo a rogo anche gli omosessuali, spianando così la strada a quella che fu la pura pazzia umana, il Nazismo, che uccise nei forni crematori più di 100.000 omosessuali. Ve lo ricordate?

Perché la chiesa cerca oggi di farci credere che l'omosessualità fosse una cosa che svia l'uomo dal suo vero compito, cioè di sola procreazione? Se mai, questo sarebbe UNO dei compiti dell'uomo. Il primo, secondo me, sarebbe di evolversi e di superare la prigionia patriarcale, comoda, ma pur sempre una prigionia, che come sistema “dei valori” regna indisturbato ormai da millenni. Stando a questo sistema, l'uomo, sotto la parola s'intende il maschio, dovrebbe essere forte, non emotivo, dovrebbe governare, non farsi "sottomette" dalle donne.

mauthausen841

Quando parlo di "prigionia", penso sopratutto a quella della "forza", forza fisica abinata alla violenza. Violenza risulta essere unico dio regnante nella nostra società, a quanto pare. Con una mano si prende e con l'altra si dà. Ma quel "dare" serve sopratutto a chi dà! Dare ai "miserabili", ai quali in precedenza avevamo preso, con forza e furbizia, facendoli diventare i miserabili. L'ego è la nostra misura e nessuno ossa portarci verso l'empatia, senza la quale non abbiamo nessuna chance di sopravvivere. Quanti stupri, quanta violenza domestica, come chiamano ciò che rimane dai buoni propositi del maschio, "incaricato" a portare la donna verso "la terra promessa", ovvero il matrimonio. Questa società osa accusare l'omosessualità di essere qualcosa di sbagliato! Essa va prima a soccorrere un istituzione e non le vittime che hanno subito gli abusi, senza nemmeno rendersi conto di offenderle ancora con “le percentuali minime”. Come se non bastasse, si cerca di scaricare sull'omosessualità ogni colpa, eguagliando una forma d'amore con l'abuso.
Faccio l'analisi delle mani da più di trent'anni e ciò che con certezza posso dirvi è che su dieci persone analizzate almeno tre - quattro hanno avuto a che fare con la violenza, tentata o compiuta, da parte dei pedofili. Parlo di ciò che è emmerso da solo! Io non sono mai andata a chiederlo a nessuna delle persone che si sono rivolte a me. E se i casi fossero stati molti di più?

Che cos'è l'amore?

sole1Grazie all'esperienza nel campo di chirologia, posso dirvi che la mia personale convinzione è che siamo tutti “muniti” di questa “opzione omosessuale”. Una delle caratteristiche dell'uomo è di saper amare, e dunque, anche le persone di stesso sesso. Questo avviene in forme diverse, a seconda dei contenuti delle relazioni sociali.

A differenza dall'amore "riproduttivo", canonizato, l'amore che intendo io avviene attraverso l'accensione di una miccia spirituale, che fa scattare l'unione tra le capacità intelletive, emotive e spirituali. Ecco perché l'amore tra gli esseri adulti e consenzienti, che provano l'attrazione uno per l'altro, a prescindere dal sesso, fosse giusto. Perché in esso sta la base per "la riproduzione" delle caratteristihe migliori dell'uomo. Essa non contempla l'abuso dei piccoli dell'uomo, in fase di sviluppo, perché questo nulla ha a che fare con l'amore, anzi, ha molto a che fare con il demonio - per i danni che causa, irreparabili, e la sofferenza, costante e irrimediabile.

Violenza domestica ci conferma che il maschio, cresciuto nel mito della forza e del potere, non si è evoluto a sufficienza per sostenere un impegno così responsabile, come lo è la creazione di una famiglia e la crescita dei figli. Possiamo altrettanto vedere che la società stessa, maschilista, eretta (è caso di dirlo) a spese delle donne, "le focolare", tratta la famiglia senza benefici sostanziali. Senza garantire neanche il minimo delle condizioni, per farla resistere quei dieci, quindici anni necessari per far crescere i piccoli. Questa stessa società non è capace di vedere nulla di grave nell'esistenza della prostituzione, per esempio, considerata “il mestiere più antico del mondo”, anziche l'ingiustizia più antica del mondo. Il maschio che "comunica" con la donna-prostituta e non trova in questo nulla di grave, ci dice a che livelli siamo. La Donna è oggetto e lo può essere anche il Bambino!

La nostra, purtroppo, è "la civiltà del pacco", che gira intorno ai problemi per la paura di perdere il proprio potere. Sono loro, i detentori del potere nella nostra società, a sostenere l'idea che l'uomo per natura è violento. Ma questo non è vero. Il prezzo lo pagano le donne e i bambini, ma anche il maschio e la donna "diversi", quelli che si sono già evoluti. E non importa se parliamo di omosessualità o di donna che lavora o di maschio al quale non basta più essere solo "forte e potente". Proprio l'eguaglianza nella sostanza tra la donna e il maschio, ci testimonia che l'Uomo possiede l'empatia, la capacità di immedesimarsi nell'altro.

Dio è anche Madre

hrist1

Madre. Capiamo ora perché anche la Madre era bandita da questa società che sulla violenza ha costruito il mondo che in sola materia ha trovato dio, in tutti i sensi, ma che ora non ha più nulla da offrirci. La terra, la nostra Madre, non ne può più di noi e del nostro "potere" su di essa. Tra non molto ci scuoterà, come si scuotono le pulci, ci toglierà di dosso e partirà da capo. Chi sarà il prossimo dio al quale si rivolgeranno quelli dopo di noi? Di certo non il dio denaro e nemmeno il dio che abbia bisogno della spada nelle mani degli uomini per farsi strada.

Dio in cui credo io ci ha dato la Parola. Risorto, ha preferito farsi vedere prima da una donna, quella che dona la vita, che porta l'empatia dentro di se. Un fatto insignificante per "il pensiero teologico del maschio". Fiera della mia capacità di amare il prossimo, userò la Parola anch'io. Per raccontarvi non solo la chirologia, ma anche un po' del mondo gayo, allegro mondo d'amore in rispetto e in tenerezza, divertente e responsabile. Spero che i miei articoli vi aiuteranno a conoscere meglio questo mondo, che è il mondo di tutti noi, perché per capire è necessario conoscere, conoscere se stessi.

Oltre questi articoli, vi offrirò altri che sono altrettanto allegri, perché fanno vedere i baci e le tenerezze tra i politici, sportivi e artisti. Messi insieme fanno vedere che sono la parte della vita in tutte le sue realtà. Il mondo è cambiato. Bisogna solo sopravvivere la difesa dei tempi passati... prossima a venire...

Buona lettura e se avete la voglia di scrivere i vostri pensieri, questo ora è possibile. Benvenuti amici!

Mondo Gayo
 

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

CONNECT WITH ME

Valery on Facebook Valery on YouTube Valery on Twitter Valery on Wikio

GTranslate
Google me +

Circle me on Google Plus!
Valerija
Valerija on Google Plus
Author & Personal Coach
Branding & Web Success Leader

Login to Zampa



Tweets
twitter_icon
WebMetropolis - Artists

Knowledge of Self

TeslaLUX - You Are Brand

 
Top! Top!
Real Time Web Analytics