Handresearch.com presents.: the largest Global Network of Palm Readers

& Hand Analysts + the latest Global News about Hands.

La Rivoluzione dei Social Media
Scritto da Valerija Brkljac   
Domenica 22 Aprile 2012 23:57

La Rovoluzione si chiama "Social" - Social Media come luogo di lavoro

Nel mese di Marzo, dopo un lavoro estenuante e molto interessante, con il Team di TeslaLUX.com ho fatto il restyling della nostra struttura, compreso il sito stesso. Diciamo che si è trattato di una piccola rivoluzione, che guarda caso coincide con la rivoluzione in corso nei Social Media. In conferma che nulla avviene per caso.

Di recente quasi tutte le reti sociali hanno fatto dei cambiamenti importanti nelle strutture, per migliorarle. Su Facebook in molti hanno accolto con dispiacere l'introduzione della "Time Line", ovvero il "Diario", mentre negli USA partivano i webinar quasi ogni giorno, uscivano i libri e succedeva un pandemonio tra i costruttori delle applicazioni, per esserci tra i primi con delle soluzioni migliori per gli utenti. La corsa era anche per acchiaparsi una buona fetta del mercato in continua crescita. Ci siamo adeguati anche noi, cambiando tutte le nostre strutture, che sono parecchie. Ciò che aveva richiesto il maggior impegno era il cambiamento dell'asset mentale in cui pensare il business. Esisteva un "freno" ed è stato rimosso con successo!

Progresso con TeslaLUX

La logica vincente: NON fare le scelte povere!

"La scelta povera" non è rivolgersi a chi ha pochi soldi, ma chi possiede poco sapere, poca motivazione e di consegenza difficilmente può capire che, per esempio, 2.000 utenti veri, mirati, su Facebook possono valere in termini di lavoro più di 20.000, raccolti magari a buon mercato o travasati da qualche altro account e tenuti in "vetrina" a fare nulla. Perché nel mondo "social" è fondamentale saper smuovere gli utenti, farli "lavorare", interaggire. Saperlo fare poi con il marketing virale è dificilissimo.

Con una scelta "povera" il passo dall'abbondanza alla scarsità diventa breve! Per questo motivo noi di TeslaLUX abbiamo abbandonato il pensiero di collaborare con chi non conosce il mezzo, lo usa per svago o per "tentare". Ci siamo resi conto, a spese nostre, che "la scelta povera" facilmente diventa fonte di inutili e dannose incomprenssioni, anziché di successo. Non ne vale la pena. Il cambiamento che stiamo vivendo è epocale. Non lascia spazio a chi è lento, distratto o chi non vuole cambiare. Siamo noi oggi a decidere del nostro futuro: "Ogniuno di noi, in misura in cui capisce il corso generale delle cose lavorerà per se, mentre in misura in cui non lo capisce, lavorerà per chi lo capisce meglio." Sapere è potere!

Le Soluzioni "Social" per chi vuole lavorare bene e guadagnare meglio

Con questi buoni propositi, grandi motivazioni ed entusiasmo, ora ci rivolgiamo esclusivamente a chi conosce le potenzialità del mezzo ed è altrettanto motivato, desideroso di successo e in cerca dei risultati per una vita nuova, che i grossi cambiamenti portano sempre. Perché alla base di questa rivoluzione "social" si trova il cambiamento della logica sociale: non si impone più nulla, ma si interagisce dando e pretendendo la qualità. E internet, con i Social Media, sta portando dei cambiamenti che non aspettano nessuno. Bisogna darsi da fare. Noi ci siamo e con questo primo video cerchiamo di raccontare un po' il "bichiere" ne mezzo vuoto, ne mezzo pieno, ma strarippante di opportunità! Seguiranno i nuovi video, che spiegheranno le soluzioni mirate che abbiamo studiato con la logica vincente. Ora auguro a tutti una buona visione e vi invito a visitare TeslaLUX.com ed iscriversi alla nostra Newslwetter (sotto il video ci sono i link).

MADONNA promuove in WEB TV il suo nuovo CD e non in una TV tradizionale! Ecco perché!

Sito web:http://teslalux.com/

Facebook: https://www.facebook.com/TeslaLUX

Canale YouTube: http://www.youtube.com/user/AgenziaTeslaLux

La Rivoluzione dei Social Media
 
Parliamo di Talento
Scritto da Valerija Brkljac   
Martedì 14 Febbraio 2012 00:03

Un ragazzo senzatetto al talent show gela tutti

Ultimamente si parla tanto dei Talent Show e a che cosa servono, e come si riconosce un telento. Si domanda che cosa uno dovrebbe avere per vincere un Talent in modo che tutti possono essere d'accordo che fosse quello vero. Ci ricordiamo di sicuro "England got's Talent" e Susan Boyle! Quando si dice il "talento" spesso s'intende il virtuosismo. Ma quando parliamo di Susan Boyle o questo raggazo 22enne Koreano di nome Sung-Bong Choi, parliamo non solo di bravura, ma sopratutto delle emozioni. Un talento che ci emoziona ed entra sotto la pelle è quello che va chiamato il Talento.

Sung-Bong Choi

La storia di Sung-Bong Choi

Sung arriva dal NULLA al Korea Got's talent, l'estate scorsa! Nella sua scheda d'applicazione aveva lasciato lo spazio bianco dove si chiedeva di famiglia, perché è un orfano. Da bambino dormiva nei bagni pubblici. Una volta aveva sentito una cantante in un Night Club e da allora ha continuato a cantare, vedendo in lei un punto di rifferimento. Al talent Koreano arriva con tanta umiltà, dicendo di se: "Io non canto bene... ma mi piace cantare". Ascoltatelo come canta Ennio Morricone! Di se dice: "Quando canto mi sento come se fossi un altra persona"! Siamo d'accordo con lui! Anche perché sembra entrare in un altra dimensione mentre canta. Il suo video ha raggiunto quasi 23 milioni di visioni. Un altra dimensione davvero in confronto con alcuni Talent che parlano d'altro... Se dobbiamo cercare la risposta alla domanda "come riconoscere un vero talento", di sicuro possiamo dire che deve avere due prerogative: prima ci stupisce e poi ci rapisce! Un miracolo che è capace di fare solo un vero talento!

Parliamo di Talento
 
Giorno della Memoria
Scritto da Valerija Brkljac   
Domenica 25 Gennaio 2009 16:35

  

IL GIORNO DELLA MEMORIA

PER NON DIMENTICARE MAI CHE IL MALE FA MALE A TUTTI NOI ! 

All’inizio e alla fine c’è l’Uomo…

Dal cuore dell’uomo parte o passa ciò che chiamiamo l’idea = parola.
L’idea non può mai essere contro l’uomo, se costruttiva, non importa di che idea si tratti o l’uomo che sia…

Non importa se il tuo nome deriva dal nome di un dio o di un uomo, o dal nome di una terra, o dal fiume o da un fiore. Quello che importa è che dal tuo cuore non parta mai un’idea = una parola contro un altro uomo!

Siamo tutti diversi e ognuno di noi è unico. Questo ci testimoniano le Nostre mani e i segni sui palmi.
Questa diversità è la nostra richezza e la nostra salvezza.

Non esiste un uomo meno importante dall’altro o un’idea meno importante.
La vera importanza è che l’idea = la parola faccia bene.
Il male fa male e non sa fare altro!

Definirlo minore o maggiore non toglie nulla alla sua gravità. Un male Minore prima o poi fa nascere un male Maggiore, perché dal male nasce Sempre e comunque solo il male.

Oggi ci ricordiamo il destino di coloro che una volta erano considerati "Diversi " perché figli di un altro dio o di un’altra terra o di un’altra idea.
Ebrei, zigani, omosessuali, testimoni di jehova, comunisti… "il diverso".

Sterminati perché considerati “il diverso”, dunque, non più “uomo”. Una specie di "omologazione" che il male ha fatto corrompendo gli uomini. Però, questo male era fatto a tutti noi! A tutta l’umanità, all’UOMO in ognuno di noi. Anche a quello corrotto, guastato umanamente, privandolo dalla possibilità di "riprendere" un giorno se stesso, di salvarsi.
Coloro che ricorrono oggi alla guerra, ricorrono al male! La guerra è il male!
Nessuna idea la può giustificare.

Gli uomini sono diversi, i loro dei sono diversi, le loro idee sono diverse, i loro nomi sono diversi, le loro abitudini sono diverse, le loro lingue sono diverse, i loro calendari sono diversi, le loro culture sono diverse, i loro sogni sono diversi… ma non per questo valgono meno uno rispetto all’altro.

Anche se gli uomini e le loro idee = parole sono diversi, esprimono tutti lo stesso significato quando parlano d'“amore”, che si può dire in mille lingue, ma il significato rimane sempre lo stesso. Proprio questo non piace al Male!Il Male è una specie di totalitarismo, che si nasconde sotto i "buoni" propositi. Il Male vuole sottomettere una cosa organica al proprio schematismo neorganico. Il Male è il potere che riduce l'Uomo in un Oggetto.


Perché ricorre oggi il Giorno della Memoria?

Perché ci dobbiamo ricordare che nessun uomo merita di essere ucciso da un altro uomo e per nessun motivo!

Essere feriti porta sempre dolore, non importa chi ha provocato la ferita, ne perché.
Il male fa male e continuerà a farlo se noi lo accogliamo. Sradicarlo è un impresa assai dura ed è dificile liberarsene una volta "infettati".
Quello che è stato fatto è ancora una ferita aperta per l’umanità.
E’ importante conservare la memoria, perché l’uomo non dimentichi, Oggi e Domani, che  il male fa sempre male!

Dall'albero del Male crescono solo i frutti del Male!Da quel albero non nascerà mai un frutto del Bene. In altre parole: non esiste una guerra "umanitaria", per esempio, o la giustificazione della violenza!

Giorno della Memoria
 
2012 o come partire da zero
Scritto da Valerija Brkljac   
Lunedì 26 Dicembre 2011 19:31

2012 l'anno dei cambiamenti importanti

Come volgiamo immaginare la propria vita? Vogliamo che siano gli altri a decidere al posto nostro? Vogliamo fare le nostre piccole conquiste, correndo da soli e chi arriva è arrivato e chi no, chi se ne frega? O vogliamo essere contenti, dare un significato forte alla propria vita? Arrivare anche al successo e condividerlo con gli altri? Se si, siete al posto giusto! Se no, meglio che non perdiate tempo, perché questo non è il posto per voi!

Partiremo dal TEMPO e come lo usiamo. La questione del Tempo è fondamentale da cui partire se vogliamo arrivare da qualche parte. Lo gestiamo bene o siamo sommersi da mille opportunità e non sappiamo quale scegliere, o non sappiamo come scegliere? Tanti si trovano in una disperazione dalla quale fanno fatica tirarsi fuori? Organizzare il proprio tempo è il punto chiave per cambiare ogni situazione nella nostra vita! Esistono i modi per aiutare se stessi che a scuola non ci insegnano!

Zodiaco

2011 è stata una grande "bachanalia" (latino di "Baccanali"), uno sguazzare unico nel fango della mente e dei corpi, spogliati dai valori e dalla speranza. Come d'altronde anche tanti anni che hanno preceduto e che con il senno di poi riconosciamo essere stati di "discesa libera".

Poco prima che l'Europa fosse "asfaltata" dalla recessione e dai "buoni propositi "delle banche, ci siamo accorti che il nostro mondo non è più lo stesso. Molti se ne sono andati, abbandonando se stessi ad una totale irresponsabilità sociale, alle abitudini non loro e ai sogni degli altri, accantonando i propri.

E' giunto il momento di svegliarsi!

Con gli occhi spalancati guardiamo verso il futuro e ci chiediamo cosa ci riserva. Ci domandiamo come mai non ci sentiamo pronti per questo evento. Prima ci è sembrato quasi normale vedere il male che colpiva i nostri vicini. Ora sentiamo che "qualcosa non va" in casa nostra. Le certezze non ci sono per nessuno. Dentro di noi cresce un forte bisogno di essere diversi, diversi da come eravamo ieri. Tra ieri e oggi si è aperto un abisso, mentre il nostro domani non fa trasparire nulla. Così, il nostro "ieri" sembra" lontano da noi mille anni. E non sappiamo quanto abbiamo ragione!

La fine dell'epoca di EGO

Questo è un periodo dei cambiamenti radicali, cambiamenti che colpiranno ogni uno di noi. Per questo motivo, se vogliamo fare qualcosa di utile, questo anno sarà la nostra unica occasione per fare qualcosa di buono, per se stessi e allo stesso tempo per tutti gli altri! Perché se faremo bene per noi, ne beneficeranno anche gli altri che verranno dopo di noi. Ciò che ci può dare la speranza è la certezza che il mondo dell'EGO è tramontato!

Come possiamo fare? Affrontando con coraggio il giorno che abbiamo davanti! Dobbiamo cambiare! Non abbiamo la scelta se vogliamo stare bene. E lo faremo proprio partendo da domani con un ciclo dedicato al miglioramento della propria vita, migliorando se stessi, intitolato: "Come partire da zero"!

 

 2012 o come partire da zero
 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Succ. > Fine >>

Pagina 5 di 13

Kisses

Come promesso vi dimostro che baciarsi in bocca tra le persone di stesso sesso non significa essere necessariamente gay e che è un comportamento con il quale si esprimono quanto i sentimenti, come amicizia e fratellanza, altrettanto si sigilano le alleanze o conferma l'appartenenza alle stesse idee.

 

Qui abbiamo un video che mostra Yasser Arafat, ex presidente dell'Autorità Nazionale Palestinese, e un prete ortodosso che si baciano, e seguendo i commenti in video, sembrano essere fraintesi, mentre dovrebbero essere visti per quello che effettivamente sono, un segno di amicizia e di fratellanza. Leggi tutto >>e guarda i baci più famosi della politica>>

In preparazione

In preparazione

CONNECT WITH ME

Valery on Facebook Valery on YouTube Valery on Twitter Valery on Wikio

GTranslate
Google me +

Circle me on Google Plus!
Valerija
Valerija on Google Plus
Author & Personal Coach
Branding & Web Success Leader

Login to Zampa



Tweets
twitter_icon
WebMetropolis - Artists

Knowledge of Self

TeslaLUX - You Are Brand

 
Top! Top!
Real Time Web Analytics