Handresearch.com presents.: the largest Global Network of Palm Readers

& Hand Analysts + the latest Global News about Hands.

PDF Stampa E-mail
Scritto da Valerija Brkljac   
Lunedì 19 Novembre 2012 07:59

Anche la caduta è volo, affinché non si cade...

Ultimamente intorno a me stanno scoppiando in frantumi le cosidette vite "normali". La gente che viveva in una dimensione delle certezze, che ora vengono a mancare per i più svariati motivi, si trova a camminare all'improvviso in una zona dove il gelo, la mancanza del calore umano, i morsi da parte degli altri esseri umani, sono all'ordine del giorno. Conosco bene quella "terra oltre i confini". E' meglio non eserci, perché è difficile uscirne, una volta trovatisi là.

Eros-e-Psiche-abbracciati_inizi-del-I-sec.-a.C._argilla_cm.-87_Pella-Archaeological-Museum

Eros e Psiche

 "La Terra oltre i confini"

Come ci si arriva nella "Terra oltre i confini"? Se vi dico che tanta gente lì ci sta senza neanche saperlo, vi chiederete come fosse possible. Noi viviamo in un mondo che fisicamente confina con quella Terra, ma che spiritualmente ne fa ancora parte. Io ci sono stata consapevolmente, cercando di conoscerla e ci sono tornata proprio perché ho osato ad avventurarmi nel cuore di quel Regno. Se si può paragonare con qualcosa che conoscono tutti, immaginatevi il "bucco nero dell'unverso", che sembra una cosa lontana, della quale si occupano solo gli scienziati. Invece, le cose stanno diversamente. Una cosa è "indagare" per mestiere, misurare e raccontare ciò che ti sembra di vedere. Ma entrarci in quel mondo è ben altra cosa. Sembra che torniamo sempre a Platone e alla domanda se il tavolo lo conosce meglio chi lo fa o chi lo usa. La natura di quel mondo non permette 'la conoscenza' dall'esterno. Però, finiti una volta dentro diventa dificile uscirne. E dipende come ci sei entrato, se ne usciraì...

C'è sempre una via d'uscita

Anche se nella vita c'è sempre una via d'uscita bisogna, però, soffrire per raggiungerla! Noi viviamo quella condizione dello sforzo come "il peso". Se ci capita a livello psicologico lo viviamo come "il male", qualcosa che arriva da fuori a romperci l'equilibrio! Non ci rendiamo conto che nulla succede senza il nostro permesso. Eros e Psiche..."il male" seduce.... lascia che ti baci e parte un altro orologio... inziano a battere le ore di un altro tempo...Tempo della Terra oltre i confini.

exit1

Quando dico che tanti vi si trovano senza saperlo, penso a quelli che nascono con le convinzioni che il loro mondo, la loro vita, il loro modo di essere, sono gli unici validi e sostenibili. Sanno benissimo che imponendo ciò che "sentono giusto", e li riconoscerete per la leggerezza con la quale lo fanno, creano un limbo (come direbbe un amico artista) nel quale tengono le loro vittime e si nutrono con il nettare della loro anima. Una volta "svotati", lasciano andare le loro vittime "libere". Sanno bene che le loro "creature" continueranno per quella stessa strada, la strada del "vampirismo" moderno. Essa si chiama la "comodità"! Veniamo davvero "morsi" o accettiamo il comporomesso consapevolmente?

Dove c'è il compromesso c'è la medicrità e sofferenza! Lì non ci sta chi "agisce", ma chi opta per avere tranquillità. Se da lì vuoi uscire, devi imparare come AGIRE, e non avraì la certezza, tranne quella che ti darà la fiducia in te stesso! Per capirci meglio, quella è la strada che aveva percorso Steve Jobs creando Apple! Più grande è il tragaurdo, più grande è il nostro sacrifficio. Significa che ognuno fa quel che può, ma conviene fare di più anche quando sembra poco, perché nella nostra natura è di compiere il nostro destino e raggiungere la felicità.

 Reagisci o agisci

Il nostro mondo è ancora il mondo di coloro che "reagiscono", sopratutto perché ci siamo adormentati ad un livello che già ci sembra alto, mentre in realtà tutto sta evolvendo proprio in questo momento! Anziché di "agire", perché non abbiamo voglia, perché siamo in preda dell'entropia, e magari non sappiamo come fare, perché le nostre società non ci insegnano come divntare liberi, attendiamo il "piatto pronto", di essere "scoperti", "salvati", "rassicurati" e così via. Però, per essere liberi bisogna sviluppare la coscienza individuale, camminare per conto nostro (seguiti amorevolmente dalla società) per avere una nostra moralità, non quella imposta, che alla prima occasione fa acqua da tutte le parti! Non puoi essere libero e allo stesso tempo usufruire dei vantaggi di una vita piena di "certzze". Si escludono a vicenda! E non dimentichiamo che senza la libertà non può esistere la democrazia!

Noi come civiltà siamo entrati in un periodo di transizione. Molto pericoloso, perché da un lato c'è a chi non sta bene perdere la posizione privilegiata, di avere un armata di "carne fresca", vendutasi per le certezze, mentre l'evoluzione ci vuole liberi, consapevoli, impegnati, il che richiede lo sforzo pensato, sentito, voluto. L'arrivo di internet e delle Social Network, che ci mettono a confronto, ha segnato la nascita di questa nuova epoca degli individui più consapevoli, più empatici.

energia

Se sei tra quelli che "reagiscono", vuole dire che hai rinunciato alla tua libertà perché non vuoi cambiare effettivamente nulla nella tua vita. Magari soffri in silenzio, maledici i tuoi giorni, la gente intorno, il destino, ma un piano per la tua vita non riesci a sfornare, e se pure un idea c'è l'hai, non sai come fare! Ti servono gli altri per farlo o ti lasci portare dalla corrente più forte, quella dell'oportunismo. Per capirci, sei quello che anziché di ribellarsi alle negatività, le amortizza e va a prendersi le pastiglie e curare i sintomi. Ma così non fai nulla per te, per migliorare la tua vita. Non importa se lo fai perché non credi, non te la senti di ribellarti. Soffri e basta!

Se invece sei tra quelli che "agiscono", sei sicuramente quello che fa fronte agli urti, in modo ragionevole, nuoti con tutte le forze per "tagliare" l'onda prima che arrivi a schiacciarti con tutta la sua forza. Hai un piano per la tua vita, fai delle strategie e dividi i lavori in piccole dosi percorribili quotidianamente. Quando cadi ti rialzi e vai avanti con una maggiore consapevolezza e una maggiore grinta, sempre più vicino alla tua meta. Sei quello che non urta mai gli altri di propostito, "per scarricare" le proprie tenssioni e non "mordi" per il semplice motivo perché sei stato "morso".

Siamo liberi di scegliere anche quando rinunciamo di essere liberi

Se oggi stai male un motivo c'è! Devi verificare quali sono state le tue scelte e cercare di cambiare la tua situazione, rinunciando a quel "qualcosa che non funziona". E se stai male per un lungo periodo, di cisuro molte cose non funzionano, perché obsolete, perché sei tu che vuoi adattare il mondo alla tua volontà, piegando magari gli altri a seguirti e usarli per spingerti, perché tu riesca a portare in vita la tua idea. Ma non funziona così. E non aspettarti l'aiuto per le scelte che hai fatto tu. La responsabilità è tutta tua! Nessuno ti deve nulla! Noi tutti abbiamo la libertà di scegliere. Anche quando rinunciamo alla Libertà stessa di agire, rimaniamo ugualmente reponsabili. 

Conosci_te_stessoVolere è Potere

Vi ricordate la difesa degli ufficiali nazisti che dicevano di aver agito (uccidendo gli altri) perché "costretti"? Non esiste una scemenza simile! Siamo sempre responsabili. Quel dito che preme il griletto è sempre il nostro, la parte del braccio armato di una mente che ha SCELTO di arruolarsi e di conseguenza di sparare! Mica si va in guerra a vendere delle caramelle! Questo è il male estremo quello che annienta la Vita altrui! Ma io ora parlo di un male diverso, quello che nasce nel momento della rinuncia, quando il danno è ancora riparabile. Quando ancora non ti sei nascosto nella massa, dietro le "leggi in vigore", tranne quella della tua coscenza.

Un detto di questo paese recita: "Nessun male viene per nuocere". Se il male "ti è successo", voltati verso il bene che esso ti toglie e difendilo. Cosa è che ti ostini a non vedere? Cosa è che ti ostini a fare o avere, sapendo benissimo che non sarebbe il caso di fare? Noi sempre sapiamo a che cosa rinunciamo!

Sapere è Potere

Il nostro bisogno di avere delle certezze deriva dal livello dell'ingnoranza di ognuno di noi e le è reciproco! Se oggi sono tanti a sentire "la crisi" psicologicamente, questo "male" può essere visto anche in chiave di un bene. Perché dobbiamo evolvere. I contenuti stano cambiano e di conseguenza anche le forme. La nostra epoca è l'epoca del sapere, che rappresenta la "merce" più rara e che diventerà sempre più costosa con l'andare del tempo! 

Leggi ALFABETO di DIO e impara come agire

Anche se può sembrare che solo gli ignoranti sono in crisi, non è così. Il sapere intende sopratutto la conoscenza di sé! Se non conosci te stesso, non andraì da nessuna parte! Per questo motivo il libro "L'ALFABETO DI DIO - Tutto sta scritto sulle nostre mani" è un manuale assolutamente da prendere! Perché la gente intelligente impara dagli altri! Se io ci sono tornata dalla Terra oltre i confini, dove sono andata per conoscere le risposte alle domande fondamentali della Vita, allora sappi che grazie a questo libro, frutto del mio viaggio, puoi imparare anche tu come cambiare la tua vita. Lavorando passo per passo, trovando la tua strada e dando senso alla tua vita! Senza quello diventa dificile ammortizzare gli urti che ci colpiscono lungo la nostra strada e dare delle risposte funzionali, valide, per costruirci una vita felice. 

Anche la caduta è volo
 

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

CONNECT WITH ME

Valery on Facebook Valery on YouTube Valery on Twitter Valery on Wikio

GTranslate
Google me +

Circle me on Google Plus!
Valerija
Valerija on Google Plus
Author & Personal Coach
Branding & Web Success Leader

Login to Zampa



Tweets
twitter_icon
WebMetropolis - Artists

Knowledge of Self

TeslaLUX - You Are Brand

 
Top! Top!
Real Time Web Analytics